Madonna tu mi fai lo scorrucciato

"Madonna tu me fai lo scorrucciato" è un lamento, tipico della canzone del '500, che veste il sapore un po' carnale di una tradimento amoroso. Sia l'autore del testo che il compositore sono anonimi, come anche anonima è la stesura per 4 voci miste. Il brano è molto noto, più spesso eseguito sotto forma di villanella per voce soliste e accompagnamento strumentale, e fu portato alla ribalta negli anni '70 dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare.


Madonna tu mi fai lo scorrucciato, [Mia signorami fai del male, mi offendi]
che t'aggio fatto che 'ngrifi la cera... [che ti ho fatto? mi guardi male / mi fai una brutta faccia]
Anema mia, chesta n'è via [Anima mia, questo non è modo]
de contentar 'st'affannato core. [di rallegrare questo triste mio cuore]

Me par che m'habbi in tutto abbandunato [mi sembra che mi hai completamente scordato]
ca non t'affacci all'ora della sera...[che non ti affacci...]
Anema mia...

Donna, caro mio ben, dolce signora,
habbi pietà d'un chi te solo adora...
Anema mia...

Va' figlia mia, che ci aggio 'ndivinato
ca saccio con chi giochi a covallera... [che so con chi fai l'amore]
Anema mia...

 

Video

Registrazione: LC Studio mobile montaggio: A. Serges
Altro in questa categoria: E lo mio amore »